Feeds:
Articoli
Commenti

Portici Borbonica è un evento turistico/culturale fondato sul racconto, la storia e il gusto.  I partecipanti di questa speciale passeggiata saranno accompagnati alla scoperta della Reggia di Portici narrata con aneddoti, storie e curiosità sulla  famiglia Reale dei Borbone e dell’elegante Herculanense Museum.                                            

La Reggia, nota  per essere stata la residenza estiva dei Sovrani del Regno delle Due Sicilie, possiede al suo interno un maestoso scalone affrescato dal quale partirà il racconto e le notizie storiche sull’affascinante famiglia reale. La residenza va annoverato soprattutto poiché al suo interno fu creato un ricco museo, nel quale i Borbone conservarono   gli antichi reperti estratti dagli scavi della città romana di Herculaneum. L’itinerario guidato porterà  i visitatori a concoscere l’interessante museo di recente apertura, allestito negli eleganti saloni della Reggia.  Un’interessante esperienza sensoriale, dove percorrendo gli stupendi saloni affrescati, una ricostruzione virtuale attraverso schermi, statue e lightbox, farà rivivere i fasti delle scoperte borboniche. Un incontro questo tra la cultura e la storia del 700 napoletano e quella dell’epoca romana, un passaggio nel tempo, rilassante, colto e innovativo. La visita si chiuderà con un aperitivo degustazione di pietanze tipiche rivisitate in chiave moderna, allestito nell’esedra della Reggia e  proposto dalla trattoria “La Cucina di Eduardo.

Data: 08 maggio       Oario: ore 10:00        Durata: 2 h

Quota di partecipazione: in via di definizione (non supererà i 12,00 euro)

Annunci

Domenica 09 maggio vi porteremo alla scoperta di un sito archeologico poco noto ai grandi flussi turistici, ma di forte impatto emotivo, lo scavo archeologico di Villa San Marco a Castellammare di Stabia. Una visita guidata speciale, durante la quale l’archeologa Lidia Vignola, collaboratrice del “Centro Internazionale per gli studi di Herculaneum” , vi spiegherà curiosità e particolarità dello scavo archeologico, traendone spunto per narrare   la nota epopea di Plinio il Vecchio, giunta ai posteri tramite le  famose “lettere a Tacito” ,scritte all’epoca dell’eruzione del 79 d.c. dal nipote Plinio il Giovane.  L’antica Villa collocata sulla collina di Varano, poco distante da  Gragnano, fa parte del complesso archeologico di Stabiae, la cittadina nata in contemporane a Pompei ed Ercolano, a picco sul mare a protetta alle spalle dai Monti Lattari, propone una suggestiva vista sul Golfo. Particolarità dello Scavo è quella che nelle sue immediate vicinanze, affacciate sul patrimonio archeologico vi sono dei piccoli complessi di casette ruali, nel quale cortile organizzaremo un aperitivo con degustazione. Un modo per collegare la storia antica e contemporanea della città di Castellammare, e diffondere la particolarità di queste due anime, che si fondono armoniosamente in un posto naturale e rilassante.

Data 09 maggio           Orario: ore 10:00         Durata: 2 h                 

Quota di partecipazione € 12,00

Tra le tante attività della manifestazione “Storie e delizie Vesuviane” non
potevano mancare le emozionanti cene spettacolo nella residenza Borbonica
Villa San Gennariello a Portici (Na).
Nei giorni 01 e 22 maggio vi proporremo lo spettacolo:  “Riti in Scena –
Voci e Irriverenze Popolari”. Un appuntamento culturale, ma al contempo
ironico ed emozionate.
La coppia composta dal Maestro Giovanni D’Angelo, regista antropologo
esperto sulla tradizione e il folkore partenopeo, e l’attore Peppe Parisi,
noto al pubblico per aver recitato nella Gatta Cenerentola di De Simone, vi
guiderà in un viaggio alla scoperta delle ritualità dell’immaginifico
popolare napoletano.
Il nostro antropologo vi narrerà aneddoti e curiosità sui simboli e gli
avvenimenti ciclici, che la tradizione culturale partenopea esprime
attraverso le sue ritualità, argomenti come il Natale, la Morte, il sesso,
l’amore, l’esoterismo, la pietà popolare, daranno lo spunto al narratore di
introdurre,con un collegamento tematico, le irriverenti performance
teatrali  dell’attore, che attraverso le voci del popolo, le tammorriate, il
racconto di fiabe di Basile e l’ interpretazione di figure sarcastiche come
quella delle prefiche, vi condurrà in maniera armoniosa e divertente a
rivivere la tradizione.
La location Villa San Gennariello, ex fagianeria borbonica, via accoglierà
nei sui giardini, salotti e nell’affascinate cantina in tufo del ‘700.
Ospitandovi in una serata dove oltre all’intrattenimento, saranno
protagonisti  anche i sapori tipici partenopei, serviti al buffet con una
modalità rilassante e intimistica.

Date: 01 e 22 maggio          Inizio: ore 21:00 (consigliato l’arrivo in Villa intorno alle 20:45)
Durata: 2h e 30                     Quota di partecipazione:€ 30,00
Location: Villa San Gennariello, Via Madonnelle, 5 Portici (parcheggio
interno alla Villa)

Un’appassionante passeggiata nell’antico mercato di Resina ad Ercolano, noto per la miriade di negozietti e bancarelle che vendono abiti e accessori Vintage. Una guida speciale, l’antropologa Paola Matafora vi condurrà nell’antico casale, tra cortili e vicoletti, narrandovi gli aneddoti e le storie più suggestive che caratterizzano l’affascinante e artistico mercato. Come è nato, chi ci ha vissuto, le storie popolari che lo hanno abitato, racconti di miracoli e  di religiosità popolare. Inoltre la possibilità di lasciarsi affascinare da una realtà unica in Italia e forse nell’intera Europa, senza tralasciare la possibilità di acquistare oggetti unici e particolari, come si farebbe, contrattando in un suk mediterraneo. Chicca finale della visita sarà la degustazione offerta in una “cortina” tra la gente del posto, potendo chiacchierare con le anziane signore, anima storica del mercato e della vecchia Resina.

Data: 02 maggio                    Costo € 10,00        Orario: ore 10:00    Durata 1h e 30

Appuntamento alla chiesa di Santa Caterina sul Corso Resina in Ercolano

Un viaggio attraverso gli aneddoti, le leggende e i racconti legati agli elementi di fuoco, terra e mare e alle tradizioni culturali e religiose più misteriose.  Il Santuario, opera architettonica barocca, sarà conosciuto dallo spettatore attraverso la  narrazione dal ricercatore Giovanni D’Angelo, accompagnato dalle performance cantate e recitate del laboratorio “Voci e suoni della memoria” . Durante il racconto,  importanti opere del trecento come La Bruna Puglianella e il Cristo Nero,  introdurranno gli spettatori alle storie più affasciananti della religiosità popolare, come ad esempio la leggenda secondo la quale la Madonna nera fosse legata al ciclo invernale e alla morte, e che nelle chiese dove solitamente questa fosse ritratta o apposta come statua, vi fosse presente un ordine di templari. Un racconto ricco di aspetti misteriosi, proverbi e immaginifico popolare, che recupera la tradizione orale  dell’antica Resina e del Monte Vesuvio.

Particolarità dell’itinerario di visita sarà la discesa all’ipogeo sotterraneo del 700, antico cimitero sottostante la terra santa, dove ancora tuttoggi è attestato il noto culto dei morti, come la tradizione prevede per ogni chiesa dove si trovi la Madonna delle Grazie. Una discesa inferina ed emozionante in un luogo sconosciuto a molti, e non accessibile ai visitatori se non in questa occasione speciale. Durante la visita è stata prevista la performance canora di un emozionante Stabat Mater in napoletano, dall’identità sonora medievale e suggestiva. Un itinerario di visita elegante , culturalmente e antropologicamente ricco.

 01 E 15 MAGGIO    INIZIO ORE 10:00    DURATA 2 H       CONTRIBUTO € 15,00

Partirà il I maggio la manifestazione turistico/culturale “Storie e delizie Vesuviane, eventi, itinerari e sapori nella terra del vulcano”. Un manifestazione di ampio respiro culturale che proporrà in tutti i week end del mese di maggio diverse iniziative nei siti storici della costa vesuviana. I siti noti e meno noti, da quelli Reali a quelli archeologici, da quelli religiosi a quelli popolari e naturistici, faranno da scenografia a racconti, performance teatrali, visite guidate e degustazioni. Un progetto nato da una  collaborazione tra l’associazione Onlus “Siti Reali” e l’agenzia “Idraincoming”, che attraverso questa iniziativa propongono al pubblico campano e ai turisti italiani, una modalità nuova di visitare il territorio, lontana dai classici itinerari mordi e fuggi e basata sulla suggestività delle storie e delle culture, che hanno contraddistinto la bellezza passata e attuale delle località della costa vesuviana.

Ogni fine settimana al pubblico verrano proposti diversi intrattenimenti, con caratteristiche ogni volta differenti, le mattine saranno contraddistinte da visite guidate a siti più o meno noti come il Palazzo Reale di Portici, il Santuario di Pugliano e l’Ipogeo Sotterraneo, Scavi Archeologici come quello poco conosciuto di Villa San Marco, il mercato vintage di Resina, le Ville Vesuviane, i percorsi nel Parco Nazionale del Vesuvio, e tanti altri.

Ognuno raccontato attraverso le notizie storiche che lo contraddistinguono, ma soprattutto attraverso aneddoti e curiosità e in alcuni casi con dei veri e propri spettacoli teatrali. Come nel caso del Santuario di Pugliano e l’ipogeo sotterraneo del 700, dove il narratore introdurrà attraverso i racconti di religiosità popolare, le storie cantate e recitate del popolo napoletano e del suo rapporto con i santi e con il culto dei morti. Non solo visite guidate quindi, ma piccoli eventi, che spesso inviteranno i visitatori a degustare le pietanze tipiche del terriotorio, nel caso delle visite archeologiche, ci saranno vini e cibi tipici dell’antica Roma. Ogni volta in una location differente, i visitatori potranno rivivere le emozioni legate al sito, attraverso l’ascolto, il gusto e l’interazione.

Anche i sabato sera saranno un momento per accogliere i curiosi nel territorio, questo, attraverso le cene spettacolo ambientate nelle dimore storiche del ‘700 e uno speciale evento teatrale. Le cene spettacolo, in scena il 1° e il 22 maggio, per questa rassegna ispirate all’esoterismo e alla magica figura della zingara, accoglieranno i partecipanti nell’ex fagianeria Borbonica Villa San Gennariello a Portici, dove uno spettacolo itinerante tra i cortili e la cantina in tufo del’700, permetterà all’attore di giocare con il pubblico tra un racconto e una performance musicale.

Il fiore all’occhiello della manifestazione sarà lo spettacolo teatrale “Carolinerie Ferdinandee”, un’operetta  scritta e diretta dal maestro Giovanni D’Angelo, interpretata dall’attore Salvatore Esposito, e ideata dalla direttrice artistica Giovanna Oliviero, che andrà in scena il 15 e 29 maggio. Il palcoscenico naturale dell’operetta sarà il patio dell’elegante e da poco ristrutturata Villa Maiuri, sul Miglio d’Oro di Ercolano. Gli attori e cantanti si muoveranno sulla facciata della Villa, dando vita a un’irriverente ricocostruzione della vita familiare e sociale della coppia più chiacchierata del Regno delle Due Sicilie, Ferdinando e Carolina di Borbone.

Così descrive lo spettacolo il regista: “ una prova attoriale con storia, musica, lazzi, tradizione e immaginifico popolare….uno spaccato goliardico sui personaggi che hanno segnato il nostro retaggio culturale”.

L’iniziativa – afferma Alessandro MANNA, Presidente dell’Associazione Onlus “Siti Reali – si propone come momento attrattivo, di conoscenza e di promozione dei territori dei comuni vesuviani costieri, valorizzandone il patrimonio culturale, ambientale e delle tipicità locali; di stimolare enti, istituzioni ed operatori turistici verso una maggiore collaborazione nello sviluppo turistico e territoriale del comprensorio vesuviano, che va da Portici a Castellamare di Stabia, nell’ambito dell’area metropolitana di Napoli.

Giovanna Oliviero, titolare dell’agenzia turistica Idraincoming dichiara a sua volta che: “Questa è un’iniziativa di grande importanza per il turismo nel territorio vesuviano; puntiamo con gli eventi culturali a  rappresentare e far conoscere la storia del territorio con una modalità interattiva ed emozionante, arricchendo l’offerta turistica già esistente e permettendo ai visitatori di conoscere più a fondo l’identità storico/culturale dei siti turistici, ma anche dei personaggi che li hanno contraddistinti. Una modalità già consolidata da tempo, che sta portando ottimi risultati di presenze turistiche.”

La manifestazione, quasi interamente finanziata dalle due realtà organizzatrici, si avvale di partner qualificati come “Il centro per gli Studi di Herculaneum” e sponsor quali i ristoranti “La cucina di Eduardo” e “Il Principe” di Pompei.

Per info

0816336763

http://www.storieedelizievesuviane.wordpress.com

Presto comunicheremo il calendario delle attività, che avranno un costo minimo di partecipazione come quota organizzativa.

Ecco la veste grafica della manifestazione…….presto il programma on line.